Warning: Creating default object from empty value in /membri/ragnarokkr/wp-content/plugins/download-monitor/classes/download_taxonomies.class.php on line 156

Warning: Creating default object from empty value in /membri/ragnarokkr/wp-content/plugins/download-monitor/classes/download_taxonomies.class.php on line 156

Warning: Creating default object from empty value in /membri/ragnarokkr/wp-content/plugins/download-monitor/classes/download_taxonomies.class.php on line 156

Warning: Creating default object from empty value in /membri/ragnarokkr/wp-content/plugins/download-monitor/classes/download_taxonomies.class.php on line 156

Warning: Creating default object from empty value in /membri/ragnarokkr/wp-content/plugins/download-monitor/classes/download_taxonomies.class.php on line 156

Warning: Creating default object from empty value in /membri/ragnarokkr/wp-content/plugins/download-monitor/classes/download_taxonomies.class.php on line 156
Social Network – Qual è la loro potenza? | Ragnarøkkr's Workshop

Guida

Nel blog è possibile leggere anche gli articoli provenienti dal mio vecchio sito Ragnarøkkr's Blog (categoria vecchi articoli).

Se desideri leggere l'articolo originale, clicca sul titolo del post.

Se vuoi leggere l'articolo direttamente da questo blog, clicca sul link accanto aContinua a leggere in fondo al riassunto dell'articolo.

Antipixel

  • BlogItalia - La directory italiana dei blog
  • Il Bloggatore
  • Smilla Magazine
  • Bloggers - Meet Millions of Bloggers
  • OnePlusYou Quizzes and Widgets
  • OnePlusYou Quizzes and Widgets

Advertise




Sito affiliato al network

Maruko [マルコ] Media

Altri siti affiliati al network

iNaSlice

Social Network – Qual è la loro potenza?

Qual è il potere dei social network oggi? Immenso direi.

Oggi giorno, con l’aiuto dei social network, divenire molto popolare o perdere completamente di credibilità (e perdere anche clienti), è una cosa semplicissima.

E’ sufficiente pubblicare un’applicazione sul proprio sito/blog, un video su YouTube, un tutorial su Vimeo, o un brano su Jamendo, che riscuota consenso da parte degli utenti, ed ecco che il tam-tam dei social network è già cominciato.

L’utente A condivide su Twitter (ad esempio) il link all’applicazione/video/tutorial/brano/ecc…, che viene visto dall’utente B che ne rimane positivamente colpito, e che quindi lo ricondivide su Twitter e magari anche su Facebook, e perchè no anche su Meemi, dove viene visto da altri X utenti che ne rimangono positivamente colpiti e lo ricondividono sui propri blog dove, tramite i feed RSS, che vengono letti dagli aggregatori di notizie quali Diggita, Blogger Italiani 2.0, o ancora Il Bloggatore, vengono reintrodotti nel circuito dei social network quali: Twitter, Facebook, Meemi, FriendFeed, Google Buzz, Google Reader, StumbleUpon, ecc… ed ecco decretato il successo di ciò che l’utente A aveva inzialmente condiviso come semplice link su Twitter (ma come Twitter, anche qualsiasi altro social network).

E’ vero, purtroppo, anche il contrario, e cioè che attraverso il passaparola dei social network è possibile perdere di credibilità e/o perdere clientela – in parole spicciole demolire il proprio business. Possiamo chiarirci meglio le idee analizzando alcune recenti vicende che hanno animato l’ambiente dei social network e non solo.

Meemi e Wikipedia

In questa vicenda, tutto è iniziato quando il blogger Merlinox ha aggiunto la voce relativa al social network italiano Meemi, in quanto essa era (ed è tutt’ora) inesistente su Wikipedia, e per tutta risposta gli amministratori ne hanno rimosso la voce, bloccando anche alcuni utenti (tra cui lo stesso Enrico aka capobecchino, creatore di Meemi) intervenuti nella discussione accesasi per capire il motivo di quell’azione.

Risultato, la notizia ha fatto capolino su molti siti e blog, e da lì il passo ai social network è stato brevissimo. In questo caso, la voce su Wikipedia non è stata riabilitata perchè, a detta loro, priva di enciclopeidicità, anche se gli utenti sono stati riattivati. Certo è che gli amministratori di Wikipedia hanno fatto una magra figura di fronte alla comunità di utenti dei social network e della blogosfera.

Sito di Libertà di pensiero

In questo caso, il creatore di questo sito aveva avuto l’idea di mettere in piedi un aggregatore di notizie, facendo però lo sbaglio di non pubblicizzare il proprio sito per invogliare gli utenti a sfruttare il proprio servizio, ma bensì andando a prendere i feed RSS dei vari siti, ripubblicando sul proprio sito le notizie da lui reputate più interessanti, senza interessarsi di licenze commerciali o Creative Commons utilizzate dagli autori degli stessi articoli.

Risultato di questa vicenda è stato un altro grosso tam-tam di notizie, generatosi tra gli utenti di blog e social network e l’autore del sito. Alla fine della storia, il risultato è la sospensione dell’account del sito in questione.

Siti web a pochi spiccioli

Vicenda di pochi giorni fa, i blogger Merlinox e Morgana, trovano in alcuni forum, offerte di lavoro da parte di una persona che con pochi spiccioli realizzerebbe siti web fantascientifici dalle millemila pagine, innescando un’interessante discussione tra Merlinox e altri utenti della blogosfera e non.

Risultato di ciò è stata la magra figuraccia del personaggio in questione, e la creazione di un’interessante articolo da parte di Merlinox, con l’intento di far meglio capire ai molti utenti della rete, che realizzare un sito web non è un’operazione da pochi click che si risolve in 5 minuti.

Vicenda TopHost e il blog di iKoala

Recentissima vicenda, quella del hosting provider TopHost, che ha fatto molto parlare in questi ultimi giorni, ed è stata commentata da moltissimi utenti della blogosfera, sui vari siti di settore e nei social network. Questo stesso blog ne ha trattato la vicenda in un recente articolo.

Riassumendo il fatto, il blogger Lorenzo aka Koalalorenzo, tentando di aggiornare la propria piattaforma WordPress alla versione 3.0 ottiene, nel mezzo dell’aggiornamento, un errore da parte del server di TopHost sul quale era ospitato, segue la procedura per aprire un ticket e chiedere intervento per risolvere il problema. Da qui in poi sarà un susseguirsi di sfottò, insulti ed incompetenze da parte del personale TopHost nei confronti di Lorenzo e degli altri utenti che hanno commentato successivamente alla vicenda descritta da Lorenzo sul suo blog.

Risultato, ancora adesso se ne parla sui blog, sui siti di settore, nei social network, e tutto questo mette in cattiva, anzi cattivissima luce l’immagine dell’azienda, che sicuramente perderà clientela.

In conclusione

Questi pochi fatti descritti in precedenza, ci hanno permesso di capire meglio quale sia la potenza dei social network oggi.

L’utente, oggi, è presente in modo più o meno massiccio all’interno delle piattaforme di social networking e microblogging. Qualsiasi informazione, buona o cattiva che sia, passa da un utente all’altro in un modo ed una velocità impensabili fino a qualche anno fa. E molte aziende si affidano a queste stesse piattaforme per promuovere il loro business, consapevoli del fatto che attraverso i vari Twitter, Facebook, Meemi, FriendFeed, ecc… possono virtualmente toccare qualsiasi potenziale utente del globo.

Ma questa cyber-onnipresenza ha un suo lato negativo. Proprio come nella vita reale, anche nella vita virtuale di internet per ottenere fiducia da parte di un utente (futuro cliente), bisogna che si facciano molti sforzi per fornire agli utenti cordialità, disponibilità, competenza e professionalità. Questo perchè? Perchè l’utente che parlerà facilmente bene di un ottimo prodotto corredato da un servizio clienti all’altezza, cordiale e professionale (facendo, quindi, passaparola e pubblicità gratuita all’azienda), parlerà altrettanto male (e farà anche meno fatica a farlo in questo caso) di quei prodotti scadenti (soprattutto se non gratuiti) corredati da un servizio clienti pessimo ed inefficiente, maleducato e scarsamente professionale (demolendo con la stessa velocità l’immagine dell’azienda, facendo perdere clienti e soldi alla stessa).

Quindi, per concludere, i social network sono uno strumento potentissimo, se usati correttamente, e permettono interessanti vantaggi per le aziende che li sanno sfruttare. Oggi giorno con i social network è possibile decretare il successo o la fine di un prodotto. E le aziende devono stare molto attente a questo importante aspetto del cosiddetto Web 2.0 dove tutto viene condiviso da tutti in ogni parte del mondo.