Warning: Creating default object from empty value in /membri/ragnarokkr/wp-content/plugins/download-monitor/classes/download_taxonomies.class.php on line 156

Warning: Creating default object from empty value in /membri/ragnarokkr/wp-content/plugins/download-monitor/classes/download_taxonomies.class.php on line 156

Warning: Creating default object from empty value in /membri/ragnarokkr/wp-content/plugins/download-monitor/classes/download_taxonomies.class.php on line 156

Warning: Creating default object from empty value in /membri/ragnarokkr/wp-content/plugins/download-monitor/classes/download_taxonomies.class.php on line 156

Warning: Creating default object from empty value in /membri/ragnarokkr/wp-content/plugins/download-monitor/classes/download_taxonomies.class.php on line 156

Warning: Creating default object from empty value in /membri/ragnarokkr/wp-content/plugins/download-monitor/classes/download_taxonomies.class.php on line 156
Css | Ragnarøkkr's Workshop

Guida

Nel blog è possibile leggere anche gli articoli provenienti dal mio vecchio sito Ragnarøkkr's Blog (categoria vecchi articoli).

Se desideri leggere l'articolo originale, clicca sul titolo del post.

Se vuoi leggere l'articolo direttamente da questo blog, clicca sul link accanto aContinua a leggere in fondo al riassunto dell'articolo.

Antipixel

  • BlogItalia - La directory italiana dei blog
  • Il Bloggatore
  • Smilla Magazine
  • Bloggers - Meet Millions of Bloggers
  • OnePlusYou Quizzes and Widgets
  • OnePlusYou Quizzes and Widgets

Advertise




Sito affiliato al network

Maruko [マルコ] Media

Altri siti affiliati al network

iNaSlice

LESS: compilatore Ruby per CSS

Quanti, durante la stesura dei propri fogli di stile, si sono domandati se non ci fosse un modo più veloce ed elegante per gestire situazioni particolari quali, ad esempio, la definizione di un valore richiamabile più volte all’interno del nostro CSS, o ancora, la nidificazione delle classi, tanto per citarne una? Scommetto in tanti.

Bene, LESS ci permette proprio di effettuare queste ed altre operazioni, a prima vista banali, ma importantissime se si vuole ottenere una stesura pulita e veloce del codice CSS.

In pratica, LESS, progetto opensource scritto in linguaggio Ruby, permette di estendere il linguaggio CSS, aggiungendo la possibilità di utilizzare variabili, mixins, operazioni matematiche e regole nidificate.

Lo scopo di quest’applicazione è quello di compilare (sarebbe più corretto dire pre-processare) un file, scritto seguendo le regole sintattiche dei CSS (ma con estensione .less), e restituire come risultato un file .css sintatticamente corretto pronto per essere utilizzato nel nostro sito.

Ma vediamo come, questa applicazione, può estendere il linguaggio dei Cascading Style Sheets.

Per prima cosa, vengono introdotte le variabili. Attraverso esse, potremo finalmente definire uno o più valori (ad esempio la completa palette del nostro sito) in un singolo punto del nostro file, e quindi richiamare tutte le volte che vogliamo tali valori. Questo, oltre che essere oltremodo più facile, rispetto al doversi ricordare tutti i relativi valori, è molto più comodo in quanto ci permetterà in futuro di modificare solo il valore di questa o quella variabile, senza la necessità di dover modificare il valore ad ogni suo ricorrenza all’interno del codice.

Mixins. Questo non è altro che il nome con cui viene identificata la capacità di incorporare le proprietà di una classe all’interno di un’altra (potremmo definirla una sorta di ereditarietà delle classi, ben conosciuta da chi programma con linguaggio di programmazione orientati agli oggetti come C++, C# e Java).

A quanti è capitato di dover digitare identificativi di selettore a volte molto lunghi per specificare il legame di ereditarietà tra due elementi? Beh, adesso è possibile evitare completamente questo problema, ed in questo ci viene ancora una volta in aiuto LESS.

Infine, per chi si trova ad avere a che fare spesso e volentieri con la definizione di classi piene di coordinate video (la definizione dei bordi, dell’ombra, e quant’altro…), ecco che il supporto alle operazioni matematiche ci viene in soccorso, permettendoci di definire una variabile e, quindi, effettuare delle semplici operazioni su di essa, invece di dover specificare ogni singolo valore.

Senz’altro un ottima applicazione che dalla sua ha una curva d’apprendimento paticamente pari a zero, in quanto sfrutta in tutto o per tutto la sintassi usata per i fogli di stile.

Potete trovare tutte le informazioni, gli esempi, il codice sorgente e la documentazione sul sito del suo programmatore.